Lun, 15 Luglio 2024
HomeSettore pubblicoTerapia del dolore: primo impianto di neurostimolatore midollare wireless

Terapia del dolore: primo impianto di neurostimolatore midollare wireless

Il primo in Sicilia all'Ospedale San Marco di Catania

Un innovativo neurostimolatore midollare wireless per la cura del dolore cronico è stato impiantato per la prima volta in Sicilia al Centro Hub Terapia del Dolore dell’ospedale San Marco, su un paziente affetto da dolore alla schiena resistente ai farmaci.

Si tratta di una novità assoluta in Sicilia nel panorama del trattamento del dolore cronico, un device midollare wireless di ultima generazione molto meno invasivo e traumatico dell’impianto tradizionale. L’intervento è stato effettuato dal responsabile del Centro Hub del San Marco, Salvatore Caramma, affiancato dalle colleghe medico Marinella Maria e Simona Brundo.

La neurostimolazione midollare è una metodica nata alla fine degli anni sessanta diffusasi significativamente nei decenni successivi nel campo del trattamento del dolore cronico non reattivo alla terapia  
farmacologica. I device prodotti negli ultimi decenni sono divenuti sempre più performanti e i  wireless in particolare si stanno man mano espandendo anche in Italia.

La procedura prevede l’installazione di un elettrocatetere dotato di microchip in grado di decodificare i comandi trasmessi dall’esterno senza fili e di trasformarli in segnali elettrici utili ad alleviare il dolore neuropatico. Il sistema è attivato ed alimentato attraverso un trasmettitore esterno portatile  
dedicato.

Tale tecnologia consente dunque di trattare il dolore cronico con modalità mininvasive oltre all’opportunità di stabilire un trattamento terapeutico costruito su misura per il paziente, utilizzando le diverse forme d’onda di stimolazione a disposizione, a tutto vantaggio del miglioramento della qualità di vita dell’utente.
Tra gli altri benefici di questo tipo di procedura ci sono l’assenza di apparecchiature esterne e fastidiose batterie e l’assenza di tunnel sottocutanei, il che offre la possibilità al paziente di sottoporsi in  
totale sicurezza a successivi esami diagnostici, come la risonanza magnetica fino a 3 Tesla.

“Si tratta di una vera e propria rivoluzione per il trattamento delle sindromi dolorose croniche – spiega il dottore Caramma –  frutto della ricerca nel settore delle nanotecnologie in ambito biomedico, che  
garantirà risposte cliniche anche a quei pazienti che, per fattori di rischio e comorbidità, non potrebbero essere sottoposti ad interventi di posizionamento di neurostimolatori tradizionali. Ciò consentirà  
altresì di registrare notevoli riduzioni dei tempi chirurgici e dei relativi costi economici”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

8 − 3 =

- Advertisment -spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Categorie

Da non perdere