Mer, 7 Dicembre 2022
HomeSalute e benessereCaltagirone aderisce alla campagna Nastro Rosa

Caltagirone aderisce alla campagna Nastro Rosa

Campagna Nastro Rosa Airc per sensibilizzare sul tumore al seno e ricordare l’importanza della prevenzione e del sostegno alla ricerca: sabato 1 ottobre, alle 19, il prospetto del Palazzo municipale sarà illuminato di rosa. La delegata Airc Maria Pavone: “Impegnati pure a promuovere incontri nelle scuole per informare i giovani sugli stili di vita più corretti”. Il vicesindaco Paolo Crispino: “Un contributo all’attività di informazione e prevenzione”

Il Comune di Caltagirone aderisce alla Campagna Nastro Rosa Airc (Associazione italiana
per la ricerca sul cancro), l’iniziativa che, promossa congiuntamente dall’Anci (Associazione
nazionale Comuni d’Italia) e dalla stessa Fondazione Airc, si sostanzia nell’illuminare di rosa i
palazzi comunali e i monumenti più significativi dei Comuni per sensibilizzare sul tumore al seno e
ricordare l’importanza della prevenzione e del sostegno alla ricerca.

A Caltagirone, a illuminarsi di rosa sarà, sabato 1 ottobre, alle 19, il prospetto del Palazzo
municipale.

“Alla luce dei traguardi fondamentali raggiunti, negli ultimi vent’anni, dalla ricerca nella
cura del tumore al seno – sottolinea la delegata della Fondazione Airc per Caltagirone e il Calatino,
Maria Pavone – invitiamo tutti a non fermarsi e a sostenere insieme il lavoro dei ricercatori per
rendere il tumore al seno sempre più curabile. Nel nostro territorio – aggiunge la delegata Airc –
promuoviamo anche incontri nelle scuole per informare i giovani sugli stili di vita più corretti che
aiutano a prevenire i tumori. Intanto nei prossimi giorni saranno disponibili, nelle farmacie,
parafarmacie, librerie e palestre, le spillette rosa attraverso cui raccogliere fondi per la ricerca”.
“Abbiamo aderito all’iniziativa – dichiara il vicesindaco Paolo Crispino – per dare il
nostro convinto contributo al lavoro di sensibilizzazione sul tumore, in questa circostanza sul tumore
al seno, in considerazione dell’importanza di un’efficace attività di informazione e prevenzione e
nella consapevolezza che la ricerca, come testimoniato già dagli obiettivi già centrati (la
sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi è stata portata dal 78% fino all’88%), rappresenta il più
forte strumento a disposizione per vincere questa battaglia”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Categorie

Da non perdere