Dom, 26 Maggio 2024
HomeSanità privataGiglio, donati turbanti ai pazienti oncologici

Giglio, donati turbanti ai pazienti oncologici

Realizzati dalla professoressa Nunziatina La Rosa

La solidarietà può superare i confini della disabilità donando agli altri ciò che la vita talvolta ha negato. Bambini con disabilità del liceo Scaduto di Bagheria hanno decorato, con l’aiuto dei loro insegnanti: Elena Zaffaroni e Francesca Buzzetta Claudia, borsette e turbanti, donati ai pazienti oncologi che durante la terapia, perdono i capelli, e talvolta sono costretti a portare, con sé, le sacche per i drenaggi.

L’occasione è stato il Braday, giornata per la consapevolezza sulla ricostruzione mammaria, che  si è tenuto alla Fondazione Giglio di Cefalù. A organizzare il convegno di studio con laboratori di musica e teatro è stato il chirurgo senologo Naida Faldetta che fa parte della breast unit del Giglio, guidata da Ildebrando D’Angelo. 

I turbanti sono stati realizzati dalla professoressa Nunziatina La Rosa che durante i lavori del Braday ha ricevuto una targa per “la sua sensibilità e il suo impegno”. “Ho iniziato a fare i turbanti – ha detto La Rosa – quattro anni fa quando ho incrociato due alunne in chemioterapia di 16 e 17 anni. Per loro ho cucito i primi due turbanti.  La risposta è stata “ci ha regalato un momento di gioia”. Da quel giorno La Rosa con le insegnanti Zaffaroni e Buzzetta ogni mese realizzano i turbanti e le borsette a tracolla donandole a diverse strutture sanitarie.

“Sono grato – ha detto il presidente della Fondazione Giglio, Giovanni Albano- alle insegnanti per la sensibilità verso chi affronta la malattia che piccoli gesti posso lenire”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

16 − sette =

- Advertisment -spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Categorie

Da non perdere