Mar, 5 Marzo 2024
HomeSettore pubblicoAsp Catania, insediato nuovo commissario

Asp Catania, insediato nuovo commissario

Giuseppe Laganga Senzio svolgerà le funzioni commissariali nelle more del perfezionamento della sua nomina a direttore generale

Insediato il nuovo commissario straordinario dell’Asp di Catania, Giuseppe Laganga Senzio. Svolgerà le funzioni commissariali nelle more del perfezionamento della sua nomina a direttore generale.

Nel pomeriggio di ieri, presso la Direzione Generale dell’Asp di Catania, il passaggio di consegne con il commissario straordinario uscente Maurizio Lanza, chiamato, dal Governo regionale, a dirigere l’IRCSS “Bonino Pulejo” di Messina. Presenti il direttore amministrativo e il direttore sanitario, Giuseppe Di Bella e Antonino Rapisarda. 

«Vorrei ringraziare il Presidente della Regione, Renato Schifani, e il Governo regionale per avermi affidato questo prestigioso incarico – ha detto Laganga Senzio -. Metto a disposizione della comunità e dell’Azienda le mie competenze per affrontare tutte le sfide di cambiamento del Sistema sanitario, obiettivo di questo Governo regionale».

Il neo commissario straordinario dell’Asp di Catania, 47 anni, è nato a Capizzi, laureato in Economia e commercio, vanta un curriculum prestigioso. Ha perfezionato il suo percorso di studi conseguendo il master EMMAS (Executive Master in Management delle Aziende Sanitarie) alla Bocconi. È stato docente a contratto di Economia sanitaria presso l’Università di Messina, e docente di Organizzazione del lavoro, comunicazione e umanizzazione delle cure presso il CEFPAS (Centro per la formazione permanente del personale del SSN Regione Sicilia) di Caltanissetta.

Nominato nel 2019 direttore generale del Policlinico di Messina, è stato il più giovane manager della sanità siciliana. Al Policlinico di Messina ha ricoperto anche gli incarichi di commissario straordinario e di direttore amministrativo, ottenendo importanti riconoscimenti.

Dal 2020 è direttore generale di strutture sanitarie private accreditate e convenzionate nel Lazio e in Lombardia.

Secondo le disposizioni regionali, per ragioni di continuità tecnico-gestionale e nelle more del perfezionamento della procedura di nomina del direttore generale, Rapisarda e Di Bella permangono nelle rispettive funzioni di direttore sanitario e di direttore amministrativo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × quattro =

- Advertisment -spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Categorie

Da non perdere