Dom, 27 Novembre 2022
HomeSettore pubblicoPrelievo multiorgano al Policlinico di Catania

Prelievo multiorgano al Policlinico di Catania

MASSIMA COLLABORAZIONE TRA STRUTTURE SANITARIE PER DARE UNA NUOVA SPERANZA DI VITA A CHI E’ IN ATTESA DI UN TRAPIANTO

Un prelievo multiorgano (fegato, reni e cornee) e di tessuti è stato eseguito al Policlinico “G. Rodolico” su un uomo di cinquant’anni deceduto a seguito di gravi danni cerebrali causati da anossia  
prolungata, e che aveva generosamente espresso in vita la volontà di donare i propri organi.

L’intervento è stato eseguito grazie ad un perfetto lavoro di squadra tra l’équipe chirurgica dell’Ismett e i sanitari dell’Azienda Ospedaliero Universitaria diretta da Gaetano Sirna. Oltre al prelievo. In particolare, il prelievo delle cornee è stato effettuato dall’équipe guidata dall’oculista Davide Scollo dell’ospedale San  Marco mentre l’accertamento di morte è stato eseguito nella sede dell’Unità Operativa Complessa di Anestesia e Rianimazione del Policlinico “Rodolico”, diretto da Marinella Astuto, con il  
coordinamento dei referenti trapianti Eleonora Tringali e Alessandro Conti.

La commissione era composta dai medici Rosalba Quattrocchi (direzione medica di presidio), Giuseppe Fallico (rianimatore) e Donatella Contrafatto (neurologa). La gestione intraoperatoria del  
donatore è stata affidata a Marco Cavaleri.

L’attività di accertamento di morte cerebrale è ripresa a ritmi più spediti da qualche settimana, a seguito dell’allentamento della “ospedalizzazione” dei pazienti colpiti dal Covid. Dall’inizio dell’anno questo è già il sesto accertamento di morte cerebrale in azienda. Già nel 2021 l’azienda ospedaliero universitaria etnea era  
stata inserita tra le strutture sanitarie siciliane più attive in questo campo.

Sono sempre di più i pazienti che manifestano la volontà di donare gli organi e questo consente di dare una speranza di vita ad una platea più vasta di persone malate e in attesa di trapianto. Importantissimo,  
per la evidente delicatezza delle operazioni, è anche l’impegno dei referenti delle attività di trapianto e della comunicazione messa a disposizione dei pazienti e dei loro familiari, che ha consentito di aumentare il numero di donatori.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Categorie

Da non perdere