Mar, 5 Marzo 2024
HomeSettore pubblicoProgetto “smartsimultaneous care: spazio amico”

Progetto “smartsimultaneous care: spazio amico”

Oncoematologia pediatrica: un altro tassello per migliorare l’assistenza a domicilio dei bambini

Offrire un percorso assistenziale domiciliare, completo e costante, che abbracci tutte le fasi della malattia dalla diagnosi alla guarigione o, raramente, alla fase terminale, al bambino emato-oncologico ed alla sua famiglia.

Questo è l’obiettivo del progetto pilota “Smart simultaneous care: spazio amico”, avviato per la prima volta in Sicilia, in virtù di una collaborazione gratuita tra l’azienda ospedaliero universitaria Policlinico “G. Rodolico – San Marco” che dispone dell’unico centro di emato-oncologia pediatrica della Sicilia orientale e l’associazione S.A.M.O.T. Catania ONLUS,  ideatrice e capofila del progetto stesso,  per il quale ha ottenuto le risorse economiche dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

L’AOUP, attraverso l’Unità Operativa Complessa di emato-oncologia pediatrica diretta da Giovanna Russo, ha già completato una prima fase di formazione teorico-pratica e continuerà a collaborare, dal punto di  vista scientifico e assistenziale, per supportare tutto il personale SAMOT impegnato nella delicata impresa.

“Noi abbiamo immaginato il percorso di cura come una sorta di “porta girevole” –spiega la professoressa Russo- in cui questo progetto aggiunge un altro tassello alla cornice assistenziale già presente e attiva grazie alla collaborazione con le numerose associazioni che ci supportano come Ibiscus con la casa di accoglienza presente all’interno del Policlinico e LAD con la struttura residenziale di riabilitazione psicomotoria WonderLAD e, ancora, grazie alla disponibilità dei pediatri di famiglia e dell’hospice pediatrico,  
presente presso l’Arnas Garibaldi.

In questa fase che è già operativa, la Samot grazie al proprio personale formato e dedicato, si prenderà cura del bambino e della famiglia nel domicilio del paziente, nelle provincie di Catania e di Enna, con l’auspicio che in futuro  questo servizio possa essere esteso a tutta la Sicilia.

Le simultaeous care hanno l’obiettivo di ridurre al minimo la permanenza in ospedale per far spazio ad una gestione domiciliare e territoriale che migliori la qualità di vita di tutto il nucleo familiare.

Affinchè il progetto pilota  abbia un riconosciuto valore scientifico-giuridico e possa fungere da apripista per la standardizzazione di un percorso domiciliare pediatrico dedicato al bambino emato-oncologico ed alla sua famiglia nella regione siciliana, è stato costituito un comitato scientifico, presieduto dal direttore generale dell’AOUP Gaetano Sirna, formato da componenti esperti in materia, come la stessa professoressa Giovanna Russo, l’emato-oncologa pediatra  Milena La Spina, il referente scientifico della Samot Vito Digeronimo, il coordinatore di équipe multidisciplinari delle cure palliative della Samot Giulio Mellini e il Consigliere di Stato Rosa Maria Castorina, in qualità di componente giuridico-amministrativo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 − 12 =

- Advertisment -spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Categorie

Da non perdere